iOS mediante i vari sensori utilizzati da iPhone sarebbe in grado di monitorare le nostre abitudini, automatizzando e personalizzando l’utilizzo del dispositivo da parte dell’utente. Quindi mediante l’aiuto dei vari sensori, l’iPhone registra tutto ciò che l’utente fa e può indicare azioni automatizzate basate sulle attività ripetute dagli utenti nel corso delle giornate.

Queste automazioni supporterebbero sia l’utente, sia l’efficienza e l’autonomia dell’iPhone. Nel brevetto, Apple spiega che ci sono alcune azioni che tutti ripetiamo: “La maggior parte delle persone si sveglia e va a dormire più o meno alla stessa ora ogni giorno. Vanno a lavorare in un luogo specifico e in un determinato periodo di tempo; eseguono attività periodiche come andare in palestra o vedere un programma televisivo”. Proprio partendo da queste “abitudini”, e sfruttando i sensori dell’iPhone, iOS potrebbe suggerire azioni automatizzate e in modo automatico: attivare la sveglia, attivare la modalità “silenzioso” nell’orario di lavoro, aprire l’app Meteo la mattina e così via.

Tutti i dati sono salvati su iCloud e condivisi tra i vari dispositivi Apple in possesso dello stesso utente.

Le nostre abitudini? potrebbero essere suggerite da iOS 11
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *