Non è mai stato facile il rapporto fiscale tra l’Azienda di Cupertino e il governo irlandese e iI The Irish Times riporta alcune dichiarazioni rilasciate da Tim Cook .

 

Infatti Cook ha spiegato che Apple è ancora impegnata con i suoi progetti in Irlanda, nonostante le voci degli ultimi mesi che parlavano di un’azienda sempre meno interessata ad operare nel paese. Cook ha anche detto che Apple non è arrivata in Irlanda specificamente per i benefici fiscali, ma perché l’azienda ha visto nel paese una comunità pronta a crescere e migliorare.

E’ stato ricordato dal CEO di Apple che, nella sola Irlanda, ci sono 17.000 sviluppatori di app presenti su App Store e che l’azienda ha distribuito oltre 20 miliardi di euro agli sviluppatori europei da quando esiste l’App Store. Inoltre, Apple ha più di 300 fornitori in Irlanda.

Però, Apple  deve abbandonare l’idea di creare un data center da 1 miliardo di dollari in Irlanda, a causa delle reazioni negative di alcuni cittadini. Infine Cook ha ribadito che Apple è rimasta delusa dalle critiche, visto che l’azienda ha sempre garantito il massimo rispetto per l’ambiente. Inoltre, sarebbe stato un modo per accrescere ancora di più l’intera comunità. Però se in futuro  le cose dovessero cambiare,  Apple potrebbe ritornare sui suoi passi.

Apple e i futuri rapporti con il governo Irlandese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *